Simona Argentieri Yoris Petrillo

DOS work in progress
con Simona Argentieri e Yoris Petrillo – Compagnia Babel Crew
in residenza a Montecchio

# sabato 29 agosto Montecchio h 21,15 – piazza Campo della fiera
# domenica 30 agosto Alviano h 19.00 – piazza Bartolomeo d’Alviano

In DOS siamo interessati a indagare la base delle relazioni: O ( zero ) e 1 ( uno) sono i fondamentali del sistema binario, linguaggio numerico che sta alla base di tutto quello che pervade la nostra esistenza. E’ nella combinazione tra queste entità che si compongono tutte quelle che definiamo realtà fondamentali. I nostri corpi come elementi di un sistema binario coreografico, registico e teatrale proveranno a restituire l’immaginario delle relazioni dell’essere umano con l’essere umano, dell’essere umano con le cose, delle cose con le cose.

DOS è il valore delle relazioni: il teatro stesso nella sua storia ci insegna come sia stata proprio la nascita del rapporto a due a dare vita a quella drammaturgia classica che è arrivata sino a noi e si è fatta base per lo sviluppo del teatro occidentale. Tesi e antitesi. Protagonista e Antagonista. La nascita del Dialogo.

Ovunque io rivolga il mio sguardo vedo DOS: parlante\ascoltatore, agente\osservatore, dominante\dominato, padrone\servo, datore di lavoro\dipendente, commerciante\cliente, professore\studente, maestro\allievo, regista\attore, coreografo\danzatore … nelle relazioni sentimentali: uomo\donna, donna\donna, uomo\uomo, genitore\figlio, padrone\animale, nell’amicizia … ecc; nelle relazioni oniriche e immaginifiche della propria esistenza: io e i miei sogni, io e le mie paure, io e l’immagine che ho di me, io e l’immagine che vorrei di me, io e l’immagine che do di me, io e il mio passato. Tutto è DOS.

Nel nostro DOS due corpi possono sommarsi, sottrarsi, moltiplicarsi e dividersi.  DOS vuole indagare l’infinita composizione che possiamo raggiungere vivendo uno spazio e lasciando sviluppare le relazioni.

In residenza vorremmo indagare la disponibilità dei nostri corpi, muscoli e ossa, ragione e sentimento, ascolto e presenza. Non vorremmo utilizzare musiche ma provare a crearle, far suonare i corpi. Sentire la necessità di relazionarci per esprimere le nostre essenze.  Da soli siamo nessUNO … da DOS in poi siamo qualcuno.

Si ringraziano: Babel Crew e Giuseppe Provinzano


twee dy ÇËäÇä iki bi два dva две duha ka dvě de dva
to ùðé du kaks dalawa kaksi deux dous dau dua δυο biyu
ob ab two dh. Tveir tveir divi du dua tnejn rua хоёр to
twee dwa dois două dve laba mbili zwei iki két hai due meji
ezimbili D O S twee dy ÇËäÇä iki bi два dva две
duha ka dvě de dva to ùðé du kaks dalawa kaksi deux dous
dau dua δυο biyu ob ab two dh. Tveir tveir divi
du dua tnejn rua хоёр to twee dwa dois două dve laba mbili zwei
iki két hai due meji ezimbili D O S twee dy ÇËäÇä iki bi
два dva две duha ka dvě de dva to ùðé du kaks dalawa
kaksi deux dous dau dua δυο biyu ob ab two dh.
tveir tveir divi du dua tnejn rua хоёр to twee dwa dois două
dve laba mbili zwei iki két hai due meji ezimbili D O S
twee dy ÇËäÇä iki bi два dva две duha ka dvě de dva
to ùðé du kaks dalawa kaksi deux dous dau dua δυο biyu
ob ab two dh. Tveir tveir divi du dua tnejn rua хоёр to
twee dwa dois două dve laba mbili zwei iki két hai due meji ezimbili D O S twee dy ÇËäÇä iki bi два dva две duha ka dvě
de dva to ùðé du kaks dalawa kaksi deux dous dau
dua δυο biyu ob ab two dh. tveir tveir divi du dua tnejn
rua хоёр to twee dwa dois două dve laba mbili zwei iki két hai due
meji ezimbili D O S twee dy ÇËäÇä iki bi два dva две
duha ka dvě de dva to ùðé du kaks dalawa kaksi deux dous
dau dua δυο biyu ob ab two dh. Tveir tveir divi
du dua tnejn rua хоёр to twee dwa dois două dve laba mbili zwei
iki két hai due meji ezimbili D O S twee dy ÇËäÇä iki bi
два dva две duha ka dvě de dva to ùðé du kaks dalawa
kaksi deux dous dau dua δυο biyu ob ab two dh.
tveir tveir divi du dua tnejn rua хоёр to twee dwa dois două
dve laba mbili zwei iki két hai due meji ezimbili D O S


Simona Argentieri

foto-simo-2w

Danz’autrice, insegnante di danza e Feldenkrais Practitioner, diplomata presso la Formazione Internazionale per Insegnanti del Metodo Feldenkrais® Palermo1. Si forma in Italia tra Roma e Palermo e all’estero nei centri internazionali Limón Dance School e Movement Research (New York), all’Institut del Teatre (Barcellona) e alla Ménagerie de verre (Parigi). Nella sua formazione integra diverse discipline: danza contemporanea, balletto, danze popolari del Sud Italia, Flamenco, Metodo Alexander, espressione vocale. Tra i maestri che hanno influenzato maggiormente il suo percorso: Alan Danielson, Barbara Mahler, Irene Dowd, Enrique Vargas, Roberto Fratini Serafide, Marigia Maggipinto, Cristiana Morganti, Kengy Takagi, Nina Dipla. Il suo percorso si è arricchito dall’incontro con il teatro nel 2005 alla scuola Teatés, diretta dal M. Michele Perriera, in cui consegue il diploma di attrice e dall’esperienza alla scuola del Teatro Biondo, stabile di Palermo. Si laurea in Lingue e Culture Moderne (Facoltà di Lettere e Filosofia dell’ Università di Palermo) con una tesi sperimentale sul teatro di Jean Cocteau. Attualmente studia alla scuola di Scienze Umane dell’Università di Padova nel corso di Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Europee e Americane. Dal 2012 responsabile “area danza” dell’associazione culturale Babel Crew, per cui lavora come attrice e danzatrice e per cui cura l’organizzazione di eventi legati al mondo della cultura e dell’arte; tra le produzioni di teatro “RuSud” (e45 Napoli Fringe Festival e Teatro Garibaldi Aperto) e “Volver” (Premio di produzione Dante Cappelletti e E46 Napoli Fringe Festival). Tra le produzioni coreografiche : “Millions of Souls” (De Micheli Danza Festival ’14 Copparo, Festival Variazioni Impreviste Padova, GDA ’14 Ravenna, progetto supporter al Teatro Comunale di Vicenza e al Teatro Toniolo di Mestre) e “Un’Ora Tutta per Me” (Rassegna Contemporaneo Sensibile, Museo Riso Palermo, vincitore del programma Mibact col progetto “Palermo città aperta”, “Che danza vuoi?” Teatro Greco Roma) ; Regia e assistenza coreografica di “Time On the Body” prod. Cantieri Culturali Creativi Rovigo (De Micheli Danza Festival Copparo, Teatro Kitchen Vicenza). Dal 2014 entra a far parte di REV, rete Veneta di Arti Performative.

foto-simo-1w


Yoris Petrillo

foto-yoris-2w

Nato a Roma il 22/02/1989. Figlio d’arte, all’età di soli 6 anni è già accanto a grandi artisti come il Tenore Josè Carreras, e viene diretto da registi quali Ugo Chiti, Franco Ripa di Meana, Ugo De Ana, nei più importanti Teatri italiani quali il Teatro alla Scala di Milano, lo Sferisterio di Macerata, il Teatro Rossini di Pesaro. Si forma sia come attore che come danzatore con i maestri quali:Loredana Parrella, Loris Petrillo, Anton Lachky, Wayne Byars, Giorgio Rossi, Roberto Lun, Salvo Romania, Roberto Cocconi, Edivaldo Ernesto per la danza; Piero Cherici, Roberta Nicolai, Peppe Barile, Massimiliano Civica per il teatro. Dal 2010 ad oggi è danzatore stabile di Cie Twain physical dance theatre. Inoltre lavora per compagnie, produzioni ed enti quali:Società della Musica e del Teatro Primo Riccitelli Teramo Opera lirica “Otello” 2009, Margine Operativo 2009 “La Nuova Cosa”, Teatro dell’Opera di Roma 2009 Opera Lirica “Carmen”, Musica e Arte AC 2011 opera “Histoire du Soldat”, Compagnia Hunt di Giosy Sampaolo 2012 “In a Flat”, Compagnia Petrillo Danza 2012 One+One=One; 2013 è assitente al movimento e regia per la nuova produzione Fondazione Teatro Comunale di Modena “Olympia 2000”; dal 2014 interprete per Cantieri Culturali Creativi Rovigo diretto da Romina Zangirolami di “Time on the Body” coproduzione De Micheli Danza Festival. Nel 2015 è interprete per Don Quijote ultima creazione di Loris Petrillo produzione Cie Twain/Compagnia Petrillo Danza. Nel Giugno 2011 è interprete della coreografia Féroce présence che vince il Primo Premio alla Miglior Coreografia al CortinDanza 2011 al T.Off di Cagliari. Nel 2011 “Simple” sua prima creazione viene inserita nella programmazione della Stagione Estiva di Laterina, IX edizione della Festa della Luna ( Arezzo).

foto-yoris-1w

1 reply »