Territori arte comunità

stefi-fogllie2locandina2febbWdidier delhoux
sabato 2 febbraio Amelia (Tr)

sala Boccarini – p.zza Augusto Vera

Le associazioni Oltre il Visibile e Vocabolomacchia teatro.studio/ Ippocampo sono liete di invitare cittadini, associazioni e istituzioni ad un appuntamento dedicato all’arte e alla scena contemporanea. Partendo dai molti linguaggi del Verdecoprente festival.0 fino alla performing art di Marina Abramovic, con uno sguardo che va dal locale al globale, dalla creazione artistica alla comunità che la abita.

ore 18.30 proiezione  di

Verdecoprente festival.0
teatro musica arti visive installazioni

girato nei paesi di Alviano, Lugnano in teverina, Giove, Penna in teverina, Amelia, Mugnano (Vt) – 25 – 30 settembre 2012


  Un video – documento di Emanuele Pecorari e Marco Coppoli

Produzione  CESVOL Terni nell’ambito del Progetto Memoria 2012, il video racconta in poco più di 20 minuti i protagonisti, le opere e le poetiche del festival che ha coinvolto, nella sua edizione zero, più di 25 promotori tra artisti, cittadini e associazioni, enti, amministrazioni e territori del Comprensorio Amerino, dell’Umbria e del Lazio.

Nel paesaggio che si fa teatro e nel teatro che si fa paesaggio si nutre e si rispecchia una comunità.
Riuniti intorno ad un’idea di cultura, siamo attori del presente.

dopo il video,
verso Verdecoprente festival.1, riflessioni e anticipazioni per l’edizione 2013.
.
ore 21.30 proiezione di


Marina Abramovic – The Artist Is Present

Un film di Matthew Akers.
Documentario, durata 99 min. – USA 2012
Icona della performance art, da quarant’anni Marina Abramovic conduce la propria riflessione sull’arte e sul mondo letteralmente sulla propria pelle, spingendo il corpo a misurarsi con i propri limiti, anzi ad oltrepassarli. Quello della performance è uno stato mentale, raggiunto il quale il fisico può fare cose che normalmente non arriverebbe mai a fare.
Nata a Belgrado, figlia di due partigiani, Marina si trasferisce nel 1976 ad Amsterdam e qui incontra il performer tedesco Ulay (Uwe Laysiepen), che diventa suo partner nella vita e nel lavoro. Nati lo stesso giorno, i due sono anime gemelle che mettono alla prova i reciproci ego traboccanti sulla scena e intrattengono una relazione simbiotica fortissima, che dura più di un decennio.
Il documentario di Matthew Akers segue l’artista nella preparazione della grande retrospettiva che il Museum of Modern Art di New York ha dedicato alla Abramovic nel 2010, la più grande esibizione che il MoMA abbia mai dedicato all’arte della performance.
.
Cine-cena presso i locali amerini convenzionati con Oltre il Visibile:
Porcelli Tavern (Via Farrattini, 73)
La Locanda del Conte Nitto (Via della Repubblica, 58)
La Misticanza (Via della Rimembranza, 4)
Emporio Punto diVino (Via della Repubblica, 23)
.
.
.